Mese: aprile 2018

Ragazze elettriche – Libro

Oggi vorrei consigliarvi un romanzo distopico e (pseudo) femminista, una lettura che fa riflettere e dubitare, aperta a varie interpretazioni. Acclamato come “nuovo classico della letteratura”, pubblicizzato addirittura da Margaret Atwood (autrice del super femminista “Il racconto dell’ancella”), non vi nascondo che avevo aspettative altissime su questo libro, anche perché il genere distopico è uno

Continua a leggere

La filosofia dei concerti (Aspirazioni di donne 1)

Studiamo per una vita nella speranza che la facoltà universitaria che abbiamo scelto ci faccia sentire pronti ad affrontare la vita è il mondo del lavoro. A volte, però, un percorso di studi ci apre soprattutto la mente più che affidarci nelle sapienti mani del mondo del lavoro. Abbiamo introdotto qui questa nostra serie di

Continua a leggere

Una volta VS oggi. Scelta o non.

Esiste ancora il cinema di genere? Una volta sceglievo i film in base all’idea che me ne facevo tramite locandina, trailers, regista, attori. Fuggivo (ma quello lo faccio tutt’ora) dalla mediocrità “made in Italy” e scappavo a gambe levate dall’Hollywoodiano più smaccato. Oggi ringrazio il cielo quando 2/3 volte l’anno riesco a ritagliarmi il tempo

Continua a leggere

Isola – libro

Questo sabato vi consiglio un libro atipico, anche solo per l’ambientazione. “Isola”, di Siri Ranva Hjelm Jacobsen, edito da Iperborea, è ambientato infatti nelle Isole Faroe, un arcipelago a metà strada tra Norvegia e Islanda. L’autrice ci racconta di due viaggi, avvenuti in epoche diverse. Il primo è quello compiuto da sua nonna Marita, dalle Faroe verso la

Continua a leggere

S.O.S. uova: “p”ensierino di “p”asquetta con la p minuscola.

Come questa iniziativa: minuscola. Chiedo un consiglio, più che darne uno. Sto letteralmente affogando tra le uova di cioccolato. Ne abbiamo 5 (di cui uno enorme) ancora da aprire. Mi guardano con preoccupazione, forse consce di ciò che accadrebbe a breve se restassero ancora un po’ in casa. Come le precedenti (3) subirebbero maltrattamenti di

Continua a leggere