ALLA RICERCA DEL NUMERO AUREO

2 commenti

Oggi è il pi greco day, ma perché proprio oggi?

Ogni volta che comincio a pensare ai numeri, comincio a giocarci e rimango sempre affascinata.

3,14 è: marzo,14. Ma cos’è il pi greco?

Prendi la circonferenza di qualsiasi cerchio, dal tappo di plastica della bottiglietta d’acqua che ho sulla scrivania alla circonferenza della terra, dividila per il diametro di quel cerchio. Cosa ne esce fuori? Una formula magica universale, illimitata: 3,1459………fino all’infinito e senza essere periodico!!!

È una regola dell’universo, chi l’ha ingegnata? Non l’uomo….

La matematica non è un’invenzione, è solo una scoperta. In realtà esiste in natura, “Tutto è numero” diceva Pitagora.

Questa fu anche l’intuizione di un matematico toscano Leonardo Pisano (1170 -1235), meglio noto come Fibonacci, un vero genio.

Ed è proprio la sequenza di Fibonacci 1,1,2,3,5,8,13,21,34,55,89,144,233,377…., dove ogni numero della successione si ottiene prendendo la somma dei due che lo precedono, ad essere una grande affascinante e geniale scoperta.

Giochiamoci un po’…

Prendi un quadrato di lato 1, sommalo ad un altro uguale, ottieni la base di un quadrato di lato 2 e così via con la sequenza di Fibonacci……fino all’infinito.

Il rapporto tra un numero di Fibonacci e quello immediatamente precedente si avvicina sempre di più al numero 1,61803398874989… e cioè il Numero Aureo. Di che si tratta? È una proporzione, detta anche proporzione “divina”.

Nautilus

Si trova nell’evoluzione delle onde del mare, nelle conchiglie, nella disposizione delle scaglie di un ananas o dei semi di girasole, nella quantità dei petali che hanno quasi tutti i fiori: tre, cinque, otto, tredici, ventuno, trentaquattro, cinquantacinque.

Rosa

Si trova in alcuni ortaggi come per esempio i “cavoli romani” che presentano elementi geometrici ripetuti detti “frattali”.

Broccolo romano

Sin dall’antichità questo rapporto indica la continua propensione verso la perfezione. Per questo motivo, pittori, scultori, architetti, progettisti vari hanno cercato di rispettare questa proporzione divina affinché le loro opere trasmettessero un senso di armonia e bellezza.

L’esempio più famoso di utilizzo delle proporzioni auree in architettura è il Partenone di Atene: la sua facciata, infatti, si può perfettamente inscrivere in un rettangolo aureo.

Partenone

Nella Gioconda di Leonardo il rapporto aureo è stato individuato nella disposizione dei lineamenti del viso, nell’area che va dal collo a sopra le mani e in quella che va dalla scollatura dell’abito fino a sotto le mani.

La Gioconda

Anche in anatomia si trova la sezione aurea nel rapporto tra l’altezza di un individuo e la distanza del suo ombelico da terra e si trova anche nelle proporzioni del padiglione auricolare.

Padiglione auricolare

Sono rettangoli aurei persino le galassie e gli uragani.

Galassia
Uragano

Potremmo continuare all’infinito con la ricerca di esempi presenti in natura e nel nostro quotidiano.

Ormai avete capito e non mi dilungo più, ma sono sicura che da oggi in poi guarderete tutto con occhio diverso alla ricerca del numero aureo.

Buon divertimento!

2 comments on “ALLA RICERCA DEL NUMERO AUREO”

  1. Per un periodo i frattali mi hanno molto affascinata, e poi c’è stato un film che mi piacque un bel po’… Titolo: “Pi Greco – il teorema del delirio” di D. Aronofky.
    Grazie mille!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...