Mancanze

Ho letto da poco un bellissimo libro: Mi sa che fuori è primavera di Concita de Gregorio senza sapere che era legato alla storia vera di Irina. Con nomi veri e fatti veri. Ommamma!

Concita de Gregorio scrive benissimo e ti porta a continuare a leggere anche se sai dove stai andando a finire. Anche se leggendo tra le righe le parole che scrive ti preparano all’immensità del dolore che stai per leggere. Leggevo senza sapere che fosse una storia vera, mi immaginavo cosa avesse potuto spingere la scrittrice a mettere insieme un dolore così grande. Un dolore senza soluzione, senza certezze, di quelli che non lo si può augurare al peggior nemico, nè immaginare. Poi ho capito che la realtà era andata ben oltre l’immaginazione. Purtroppo.

mancanzeHo anche letto (un’amica ha detto “ma ti piace farti del male!?”) un altro suo libro: Una madre lo sa, e anche li le storie raccontate sono tante. Parte con il suo linguaggio fluido e avvolgente parlando di genitorialità di madri che sono anche donne e meno madri chiocce per poi lentamente spostare il focus sui figli, sugli abusi e sulle perdite, le madri di Plaza de Mayo e gli Hijos, e poi forse l’episodio più commovente e più rabbioso. Quello di un padre rispettabile che ha ucciso la figlioletta a coltellate e poi si è suicidato, nei giorni seguenti tutti i necrologi del paese sono dedicati a lui, solo a lui, nessuna menzione della figlia, della quale invece si percepisce solo una mancanza estrema. Neanche i nonni le hanno dedicato un trafiletto. Solo per il rispettabile padre assassino.

Sottolinea Concita de Gregorio nel libro Mi sa che fuori è primavera che in nessuna delle lingue europee c’è la parola per definire “genitore che perde un figlio”, è presente in ebraico, in arabo, in sanscrito. E’ un evento così devastante che lo abbiamo epurato dal dizionario.. Una cosa che non dovrebbe mai succedere. Soprattutto per mano dell’altro genitore.

Irina Lucidi ha creato anche una fondazione aiutare chi si dovesse trovare in situazioni simili a quella in cui si è trovata lei. Missing Children Switzerland 

A post shared by @librointasca on

Disclaimer:
l’immagine qui sopra è proprietà di librointasca e l’immagine delle rose è proprietà del sito Unrequired Thoughts e protetta da copyright e ogni riproduzione deve essere autorizzata da unrequiredthoughts@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...